cerca nel sito Enrico Maria Radaelli
Sito di metafisica e teologia per un progetto culturale cattolico Aurea Domus Aurea Domus Aurea Domus

HOMEPAGE > GYMNASIUM INDICE >
RECENSIONI AL CONVEGNO SU AMERIO

I COMMENTI
DI SANDRO MAGISTER,
DE « LOSSERVATORE ROMANO »
E DE « IL FOGLIO »
AL CONVEGNO DI ANCONA (2007)
SU ROMANO AMERIO.


Sono riprodotti qui di seguito i commenti di Sandro Magister (per un inquadramento generale) visibile sul suo blog: www.chiesa.espressonline.it, di Raffaele Alessandrini
per « L’Osservatore Romano », infine di Maurizio Crippa per « Il Foglio »
al Convegno su Romano Amerio svoltosi ad Ancona il 9 novembre 2007,
promosso dal Centro Studi Oriente Occidente nel decennale della morte.

(Gli Atti del Convegno usciranno a cura delle edizioni Fede & Cultura)

Romano amerio

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaGRANDI RITORNI:
ROMANO AMERIO E LE VARIAZIONI DELLA CHIESA CATTOLICA.

I cambiamenti dell’età del Concilio hanno intaccato o no l’essenza del cattolicesimo? « L’Osservatore Romano » riporta in auge il grande pensatore svizzero. E l’arcivescovo Agostino Marchetto demolisce le tesi dei suoi avversari: la « scuola di Bologna » fondata da Dossetti e Alberigo

di Sandro Magister

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaROMA, 15 novembre 2007 – Tra le novità de « L’Osservatore Romano » ora diretto dal professor Giovanni Maria Vian ce n’è una che riguarda un pensatore di eccezionale rilievo nella cultura cattolica del Novecento: lo svizzero Romano Amerio, morto a Lugano nel 1997 a 92 anni di età.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNel 1985, quando Amerio pubblicò il suo capolavoro dal titolo Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX, il giornale della Santa Sede cestinò la recensione del libro commissionata all’allora prefetto della Biblioteca Ambrosiana, monsignor Angelo Paredi. La recensione fu giudicata troppo favorevole e « L’Osservatore » scelse da lì in poi di tacere. Così anche le autorità vaticane si accodarono all’intollerante silenzio calato da tutti su quel libro e il suo autore.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaOggi « L’Osservatore Romano » ha compiuto la scelta opposta. Su Amerio ha deciso non di tacere ma di parlare. E di parlarne bene.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’occasione è stata un convegno su Amerio promosso il 9 novembre ad Ancona dal Centro Studi Oriente Occidente, dieci anni dopo la morte del grande pensatore svizzero.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’interrogativo di fondo posto da Amerio in Iota unum – e nel suo séguito Stat Veritas uscito postumo nel 1997 – è il seguente:
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica« Tutta la questione circa il presente stato della Chiesa è chiusa in questi termini: è preservata l’essenza del cattolicesimo? Le variazioni introdotte fanno durare il medesimo nella circostanziale vicissitudine oppure fanno trasgredire ad aliud? [...] Tutto il nostro libro è una raccolta di prove di tale transito ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaAmerio fu messo al bando come emblema della « reazione anticonciliare », ma in realtà la questione da lui posta con rigore filologico e filosofico, con rara libertà di spirito e nello stesso tempo con integrale obbedienza alla Chiesa è questione che non si lascia imprigionare né rimuovere.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIl punto di non ritorno è stato il discorso di Benedetto XVI alla curia romana, il 22 dicembre 2005, incentrato proprio sulla corretta interpretazione delle « variazioni » della Chiesa prima e dopo il Concilio Vaticano II.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDopo quel capitale discorso, continuare a tacere su Amerio diventò un atto non più perdonabile. Una prima avvisaglia della riammissione del pensatore svizzero nella « agorà » pubblica della Chiesa fu, lo scorso aprile, una positiva recensione della « Civiltà Cattolica » – la rivista dei gesuiti di Roma stampata con la revisione previa delle autorità vaticane – a un libro del suo discepolo Enrico Maria Radaelli: Romano Amerio. Della verità e dell’amore.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaMa ora è « L’Osservatore Romano » a rompere definitivamente il silenzio. Sabato 10 novembre il giornale del papa, oltre che dare evidenza al convegno di Ancona, ha pubblicato le conclusioni di uno dei relatori ed estimatori di Amerio, l’arcivescovo Agostino Marchetto, con il titolo: « Per una corretta interpretazione del Concilio Vaticano II ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNon solo. In un commento siglato da Raffaele Alessandrini, « L’Osservatore Romano » ha apprezzato di Amerio la preveggente critica contro il « processo di secolarizzazione in atto anche all’interno del mondo cristiano » e contro i « rischi del relativismo dilagante »: critica mossa in nome del « primato della verità sull’amore » , un caposaldo del pensiero di Amerio il cui sovvertimento – scrive Alessandrini – si rivela sempre più come « un sottile inganno », una confusione che pareggia tutte le religioni, peggio, « un attacco a Cristo, Verbo di Dio fatto uomo, il Logos ». Insomma: « solo la verità rende liberi, non il contrario ». Persino un cattolico lontano da Amerio come don Lorenzo Milani – scrive ancora Alessandrini – condivideva con lui il « primato della verità sull'amore », aveva capito che su questo « ordine » si fonda la fedeltà della Chiesa alla sua essenza originaria.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaAl convegno di Ancona hanno discusso su Amerio diversi studiosi, da varie angolature: il suo discepolo e curatore delle opere Radaelli, i filosofi metafisici Matteo D’Amico e Dario Sacchi, dell’Università Cattolica di Milano, monsignor Antonio Livi della Pontificia Università Lateranense, Pietro De Marco dell’Università di Firenze, don Pietro Cantoni ex membro della Fraternità San Pio X e docente nello Studio Teologico delle diocesi della Toscana.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’unico che nella sua relazione non abbia mai citato Amerio per nome è stato l’arcivescovo Agostino Marchetto, per trent’anni nella diplomazia pontificia e oggi segretario del pontificio consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti. Come storico della Chiesa, però, Marchetto è autore di recensioni molto critiche dell’esaltazione del Concilio Vaticano II come « rottura e nuovo inizio » fatta dalla "scuola di Bologna » fondata da don Giuseppe Dossetti e Giuseppe Alberigo: esaltazione agli antipodi delle analisi di Amerio sulla Chiesa cattolica del secolo XX.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolica[...]
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaMa la polemica non finirà qui. Nel prossimo numero di « Cristianesimo nella storia », loro rivista ufficiale, gli studiosi della "scuola di Bologna » torneranno a difendere la loro interpretazione del Concilio Vaticano II.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaDa anticipazioni fatte trapelare da Joseph A. Komonchak e Alberto Melloni si indovina che essi cercheranno di portare dalla loro parte Benedetto XVI, di cui ricordano la promessa di lasciare « la sua documentazione conciliare all'istituto bolognese ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaScaglieranno invece nuovi strali contro Marchetto e il cardinale Camillo Ruini. A quest’ultimo non perdonano d'aver appoggiato in pubblico le critiche del primo alla Storia del Vaticano II diretta da Alberigo. Arrivando a dire: « L’interpretazione del Concilio come rottura e nuovo inizio sta venendo a finire. È un’interpretazione oggi debolissima e senza appiglio reale nel corpo della Chiesa. È tempo che la storiografia produca una nuova ricostruzione del Vaticano II che sia anche, finalmente, una storia di verità ».
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuella verità al cui primato Romano Amerio ha dedicato tutta la sua vita di studioso e di cattolico.

* * *

Il commento de « L’Osservatore Romano »:
(sabato 10 novembre 2007, p. 5)

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPuò suonare paradossale, ma l’idea del primato della verità sull’amore che è l’essenza del pensiero di Romano Amerio, il discusso filosofo cattolico luganese morto nel 1997 a 92 anni, avrebbe trovato consenziente don Lorenzo Milani come risulta in modo esplicito da una disinvolta lettera di auguri e di raccomandazioni, scritta dal prete toscano il 10 settembre 1958 all’amico don Enrico Bartoletti appena nominato vescovo ausiliare di Lucca, pubblicata nel 1994 da Massimo Toschi. Per Amerio, infatti, sovvertire l’ordine, e cioè privilegiare l’amore alla verità, si traduce presto o tardi in un attacco a Cristo, Verbo di Dio fatto uomo: il Logos. Il sottile inganno al quale l’uomo, e anche il buon cristiano, può essere esposto, consisterebbe nel privilegiare il « cuore » puntando tutto sulla solidarietà, sull’amore che tende a sminuire, superare o a mettere da parte le posizioni dogmatiche, insegnando magari che Dio è in pari misura in tutte le religioni.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaPorre in sostanza la libertà o l’amore prima della verità è evidentemente un grave errore di prospettiva. Solo la Verità rende liberi; non il contrario.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaConsiderato e sostanzialmente liquidato per lungo tempo come « tradizionalista » e anticonciliare, il fine studioso svizzero pur restando sempre fedelissimo e rispettoso della Chiesa istituzionale, non fu certo avaro di critiche alla teologia moderna, con posizioni che trovarono sistematica espressione in due opere: Iota unum. Studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX e Stat veritas. Seguito a “Iota unum” entrambe ormai esaurite.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaIota unum. Le parole latine del primo volume si riferiscono al noto passo evangelico tratto dal Discorso della Montagna (Matteo, 5, 17-18). Il Signore Gesù non è venuto ad abolire la Legge ma a darle compimento. Finché il mondo e la terra esisteranno non cadrà dalla Legge neppure la più piccola lettera: lo iota, per l’appunto.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaAmerio, assistito da una vastissima cultura non soltanto filosofica e teologica, ma anche letteraria e filologica – basti qui ricordare i suoi importanti studi su Cartesio, Leopardi, Manzoni, e soprattutto sul filosofo di Stilo, Tommaso Campanella – guarda quindi con forte preoccupazione al processo di secolarizzazione in atto anche all’interno del mondo cristiano. Considera con lucido realismo i rischi del relativismo dilagante e la deriva di stampo pelagiano fondata sul primato delle opere e della morale a tutto detrimento del cristocentrismo. Quando il primato è della Verità – che è il Logos – questa costringe l’amore, la volontà e la libertà a seguirla, a conformarsi alla luce che essa irradia: è una via « obbligante », anche se non obbligata, poiché l’uomo è sempre libero di conformarvisi come di dissentire. È però una strada fatta per gli umili, per chi crede come un bambino. È, vien fatto di pensare, la strada che in liturgia passa attraverso la lex orandi che è essenzialmente lex credendi: come preghiamo – cioè come sappiamo essere giusto e vero pregare – così crediamo. Non il contrario.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaQuest’anno ricorre il decennale della morte di Romano Amerio che ebbe la profonda stima anche del Servo di Dio Giovanni Paolo II e che pure, nonostante l’apprezzamento pontificio, è stato per lungo tempo ignorato. La sua figura e la sua analisi sono state al centro oggi, 9 novembre, ad Ancona, di una iniziativa del Centro Studi Oriente Occidente intitolata « Romano Amerio, il Vaticano II e le variazioni nella Chiesa cattolica nel XX secolo ». Tra i partecipanti monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo che ha aperto la giornata, il giornalista vaticanista Sandro Magister coordinatore dei lavori, l’arcivescovo Agostino Marchetto della cui relazione pubblichiamo in questa pagina le conclusioni, Matteo D’Amico, Enrico Maria Radaelli allievo di Amerio, Dario Sacchi, Antonio Livi, Pietro Di Marco, Pietro Cantoni.

Raffaele Alessandrini

* * *

Il commento de « Il Foglio »:
(sabato 10 novembre 2007, p. I)

* * *

Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaL’intervento di monsignor Agostino Marchetto, segretario del Pontificio Consiglio della Pastorale per i migranti e gli itineranti, storico e canonista, di cui riportiamo ampi stralci in questa pagina, è stato pronunciato ieri ad Ancona, al convegno su « Romano Amerio, il Vaticano II e le variazioni nella Chiesa cattolica del XX secolo » organizzato dal Centro Studi Oriente Occidente.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaRomano Amerio è un filosofo e teologo cattolico svizzero di cui nel 2007 ricorre il decennale della morte. Sulla sua opera, che pur ottenne apprezzamenti pubblici da parte di Giovanni Paolo II, è sceso il silenzio. Il Convegno di Ancona analizza i risultati dei suoi studi, la sua analisi delle vicende della Chiesa cattolica dopo il concilio Vaticano II e il suo pensiero circa gli sviluppi del dibattito e del confronto teologici che ne sono seguiti. Il tutto letto alla luce della sua opera principale, Iota unum. Oltre a monsignor Marchetto, sono intervenuti Matteo D’Amico, docente di storia e filosofia ad Ancona, con una relazione sulla Struttura della critica di Amerio alla teologia conciliare e postconciliare, e il saggista Enrico Maria Radaelli, direttore del Dipartimento di Filosofia dell’estetica dell’Associazione internazionale Sensus Communis di Roma, In principio era il Verbo… non l’Amore il provocatorio titolo della sua relazione.
Aurea Domus - Metafisica e teologia cattolicaNel pomeriggio di ieri i contributi di Dario Sacchi dell’Università Cattolica di Milano, di Antonio Livi della Pontificia Università Lateranense, di Pietro De Marco dell’Università di Firenze, di Pietro Cantoni dello Studio teologico interdiocesano « Monsignor Enrico Bartoletti » di Camaiore (Lucca). A coordinare i lavori il vaticanista del settimanale « L’Espresso », Sandro Magister.

Maurizio Crippa


Indice dei documenti · Inizio pagina

HOMEPAGE · CONVIVIUM · ACÙLEUS · HORTUS · GYMNASIUM
ROMANO AMERIO · EIKÒNA · THESAURUS · CALENDARIUM · 

Sito realizzato da BLUQUADRO